Il nuovo coperchio Unico, realizzato da Ewc, nasce da oltre 15 anni di ricerca, permette di cucinare in modo più veloce e con meno grassi e sale

Può un coperchio cambiare il modo di cucinare? Certo, basta costruirlo per sfruttare alcuni principi fisici e il risultato è garantito. Stiamo parlando di Unico, realizzato dalla società abruzzese Ewc, un coperchio che è il frutto di oltre 15 anni di studi ed esperienza.

Un principio fisico cambia il funzionamento del coperchio

Grazie a Unico si possono sfruttare due metodi di cottura: umida o effetto forno. Basta girare il coperchio (è fatto apposta) e il gioco è fatto. Alla base del funzionamento di Unico c’è il principio di Venturi, che grazie a 8 fori sotto il coperchio, di dimensione e forma particolare, permette al vapore di risalire e non tornare più indietro come condensa. Però i condimenti, grazie al disegno del coperchio, ricadono sul cibo, mentre l’acqua in eccesso si allontana. Questa è quello che succede quando lo si usa in modalità umida.

In modalità forno, invece, il coperchio è progettato in modo da evitare anche il ritorno sugli alimenti del condimento. Grazie all’effetto riflessione il calore all’interno della pentola è uniforme. Agendo sul pomello è possibile regolare la temperatura e vapore.

È disponibile in due misure, da 27 o 34 cm di diametro, e si adatta a qualunque pentola, tegame o padella che si possiede. Unica richiesta è che abbia il fondo piatto. Ewc propone anche Bio&Titanium, una linea di pentole antiaderenti per induzione studiata per ottenere il massimo da Unico.

Usando questo coperchio per cucinare è possibile ridurre in modo sensibile il tempo di cottura di alcuni alimenti e anche il numero di padelle utilizzate. È adatto a una cucina con un uso limitato di grassi e sale, due ingredienti nemici della salute e per questo da limitare.