«I Hop(e) is Noel», il nome è un gioco con le parole inglesi per luppolo e speranza. La birra di Natale di Hibu è una Strong Amber Ale dolce e speziata

Per un momento speciale, come il Natale, ci vuole una birra speciale. Hibu, grande birrificio artigianale e agricolo della Brianza (da poco è stata rilevata da Heineken, un premio al lavoro decennale), ha messo in commercio «I Hop(e) is Noel», un’ambrata ad alta fermentazione di ispirazione belga. Una Strong Amber Ale strutturata e di grado alcolico sostenuto: nove gradi per un livello di amarezza pari a 28 Ibu. Nove luppoli e due fermentazioni separate. Un gusto dolce, con profumi di malto biscottato e di spezie e un finale su note floreali.

Si accompagna in abbinamento con pasticceria secca o anche con il panettone

«La Birra di Natale nasce dall’unione di due mondi luppolosi e spiega anche quel “I hop(e) is Noel” che rimanda al luppolo (hop in inglese, ndr) – racconta il mastro birraio, Raimondo Cetani – Ovvero luppoli europei, come Styrian, con extraeuropei, come Galaxy, Mosaic, Citra. Nonostante l’alta dose di luppoli, alla fine la birra non è amara ma dolce: tra le più dolci che produciamo».

«La tipologia – continua – è una Belgian Ale. Si degusta a una temperatura intorno ai dieci gradi nel Ballon, davanti al camino, con gli amici o il partner. L’abbinamento più semplice è con pasticceria secca, cantucci ma anche un panettone: dentro ha il malto Biscuit, che ha un sapore biscottato. Ma può anche reggere secondi importanti, grazie all’alcolicità (nove gradi): è dolce, ma non è stucchevole».

«La vendiamo – fa sapere – fino a esaurimento scorte. Quest’anno l’abbiamo prodotta in ottomila litri: sei mesi fa, a giugno, perché, essendo molto complessa, ha bisogno di un affinamento».

La «I Hop(e) is Noel» fa parte delle Speciali, ossia birre create per momenti importanti. Viene proposta in accattivanti confezioni regalo: all’interno, con il bicchiere firmato, si possono trovare alcune divertenti sorprese, come le carte da gioco dei simpatici personaggi del mondo Hibu.

L’etichetta, disegnata da Giuseppe Ferrario, è ironica e giocosa: si vede una renna con una sega elettrica e un Babbo Natale stramazzato. Puro stile Hibu.