La tedesca Beck’s si adegua alle nuove tendenze di mercato e lancia una London Pale Ale e una Berlin Golden Bock per catturare i giovani con gusti nuovi

Innovazione, sperimentazione. Le parole magiche che segnano il food and beverage contemporaneo contagiano anche il grande mondo birrario. E di questa ricerca al cambiamento non poteva rimanere indifferente Anheuser-Busch InBev, uno dei più grandi produttori di birra al mondo.

Queste due nuove birre Beck’s sono adatte sia come aperitivo sia come dopo pasto

Una delle icone del gruppo in Italia, Beck’s, lancia due nuove referenze che inseguono quel gusto di nuovo. London Pale Ale (6,3 gradi) e Berlin Golden Bock (7,2 gradi) vanno ad affiancare il cavallo di battaglia, la Beck’s Pils, da 140 anni prodotta nello stabilimento di Brema con i migliori malti e luppoli tedeschi e secondo l’Editto della purezza del 1516, la più antica normativa alimentare europea.

«La London è una birra ad alta fermentazione che utilizza luppolo Cascade americano con la tecnica del dry hopping, seconda luppolatura a freddo – ha spiegato Gianni Bertamini, quality manager di Ab InBev Italia, alla presentazione dei nuovi prodotti a Milano – I toni in bocca sono agrumati, tendenti al pompelmo. La Bock è a bassa fermentazione: prevalgono i toni dolciastri del malto mitigati dal pregiato luppolo Saphir, tedesco, che ha toni erbacei e di fiori bianchi».

Entrambe si consumano come aperitivo o in seconda serata e mirano al mercato più giovane. La London Pale Ale, in particolare, strizza l’occhio a un trend che cerca birre luppolate, con lunghe profumazioni e sentori persistenti, dove le note agrumate richiamano anche quelle di frutti tropicali. «Il consumatore italiano si sta spostando verso la moda della Ipa e Pale Ale – ha sottolineato Bertamini – Anche Beck’s ha voluto seguire quest’onda. L’azienda sta anche esplorando il mondo delle craft: è entrata, per esempio, in Birra del Borgo».

«Queste due nuove birre richiamano due stili di birra ma anche il fascino di due metropoli, Londra e Berlino – ha sottolineato Davide Franzetti, country director di AB InBev Italia – Sono due città iconiche per l’Europa. Dove succedono cose, moda innovazione, crescita di start up. Vogliamo che dietro la birra ci sia l’esperienza di un viaggio. Sono due prodotti studiati per il mercato italiano: Bock è un’esclusiva. Beck’s è in Italia uno dei brand più importanti, anche come volumi. Unisce tradizione (è nata nel 1873) a innovazione (primo marchio che ha iniziato a produrre in una bottiglia verde)».

Anheuser-Busch InBev, sede a Leuven, in Belgio, è tra le più importanti aziende nel mondo della birra (55,5 miliardi di dollari il suo fatturato). Comprende oltre 400 brand, tra cui Budweiser, Stella Artois, Franziskaner. Recentemente ha acquisiti SabMiller, secondo player mondiale. In Italia è presente con numerosi brand: oltre a Beck’s, Corona, Leffe, Tennent’s.

La campagna comunicativa delle nuove Beck’s avrà come ambassador Guglielmo Scilla, giovane attore, youtuber e conduttore radiofonico, protagonista della fiction tv «Baciato dal sole» e in questi giorni a teatro con «Grease».